Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

domenica 26 marzo 2017

Le Nike Air VaporMax: esercizi di stile da parte degli studenti

Nike Air VaporMax_Azar_Rajabi_2

A conclusione del programma NikeLab Vision-AIRS, una nuova generazione di designer esplora il concetto di camminare sospesi nell’aria attraverso una serie di esercizi di stile. 


Gli studenti Azar Rajabi, Liam Johnson, Paula Canovas, Wanbing Huang e Shize He, provenienti dalla Central Saint Martins, dalla Domus Academy e dalla Parsons School of Design, prendono la Nike Air VaporMax come fonte di ispirazione per creare abiti unici che rendono onore all’essenza della nuova scarpa, allargandone i confini di costruzione e materiali.


Azar Rajabi (Domus Academy) 
 
Nike Air VaporMax_Azar_Rajabi_1
 
"Il mio lavoro si è ispirato all’essenza della calzatura. La suola, un prodotto flessibile realizzato con un singolo cuscinetto gonfiabile, ha ispirato sia la mia ricerca che il materiale. La rete “perlata” in neoprene e il vinile lavorato garantiscono flessibilità e una silhouette più ampia, permettendo all’aria di passare liberamente dentro e fuori il cappotto. Ho cercato di coniugare l’idea di aria in armonia con il corpo e la connessione tra il corpo umano e lo spazio attraverso il pizzo.
 
Nike Air VaporMax_Azar_Rajabi_3
 
Un grande cappuccio regolabile, con dettagli in shirring e pinces, suggerisce un’idea di flessibilità. I lunghi lacci, quali estensioni del corpo amplificano i movimenti del corpo. Come designer, l’idea di reazione è qualcosa che inserisco sempre nel mio lavoro”.
  

Liam Johnson (Central Saint Martins) 
 
Nike Air VaporMax_Liam_Johnson_2
 
"Ho pensato a come il rimbalzo e la leggerezza si potessero esprimere con l’aria. Mi piaceva l’idea dell’abito come vortice, oppure una densa e scura nuvola che accerchia il corpo. Questo mi ha portato a pensare ad una forma espressiva ed astratta – alta ed avvolgente come le nuvole, che incapsulasse la parte alta del corpo e creasse un effetto visivo sorprendente.
 
Nike Air VaporMax_Liam_Johnson_1
 
Questo permette anche di lasciare libera la parte inferiore del corpo per agevolare il movimento di gambe e piedi, avvolgendo completamente il torso, le spalle, il collo e la testa. La floccatura, che utilizzo spesso nei miei lavori,  mi sembrava il materiale più adatto. Il nero assorbe tutta la luce e si abbina alla perfezione al concetto di vortice. Ha inoltre una texture soffice che si ricollega all’idea dell’aria.
 
Nike Air VaporMax_Liam_Johnson_3
 
La finitura dona all’abbigliamento un aspetto davvero lussuoso, creando una forte linea grafica”.
  

Paula Canovas (Central Saint Martins)
 
Nike Air VaporMax_Paula_Canovas_2
 
"Il progetto si impernia sull’idea di vestiti che cambiano forma attraverso l’aria e che interagiscono con l’ambiente. Ho inserito l’idea di intrecci con un tocco più svolazzante, ed ho documentato il modo in cui la forma cambia quando si introduce l’aria.
 
Nike Air VaporMax_Paula_Canovas_1
 
Volevo catturare il modo in cui la forma cambia con il movimento e come si adatta sia al corpo che all’aria. Ho scelto una tavolozza discreta e monocromatica di rosso e arancione in modo da mantenere il focus sulla struttura dell’abito e sulla Nike Air VaporMax.
 
Nike Air VaporMax_Paula_Canovas_3
 
I tessuti scelti prevedono diverse qualità di nylon, ed i drappeggi annodati sono imbottiti per garantire un effetto voluminoso”.
  

Wanbing Huang (Central Saint Martins) 
 
Nike Air VaporMax_Wanbing_Huan_2
 
"La prima idea ha preso vita come un’ode a tutte le cose volanti, con la leggerezza e flessibilità della Nike Air VaporMax come riferimento diretto. L’unità trasparente di cuscinetto ad aria che agisce da suoletta esterna indipendente mi ha ispirato a creare un outfit perfetto che crea armonia tra corpo e ambiente.
 
Nike Air VaporMax_Wanbing_Huan_1
 
La sensazione di movimento viene evocata utilizzando un pezzo strutturale a lisca di pesce che volteggia attorno al corpo – un’idea rafforzata dal copricapo attentamente intrecciato, che permette ad una varietà di forme di costruire lentamente un’immagine in movimento.
 
Nike Air VaporMax_Wanbing_Huan_3
 
Il Flyknit ha ispirato il tessuto in poliuretano argento utilizzato per la tuta intera. Il materiale è stato preformato a caldo sul corpo senza cuciture. Le sue caratteristiche stretch permettono al corpo di muoversi liberamente e con effetto”.
   
Shizhe He (Parsons School of Design) 
 
Nike Air VaporMax_Shizhe_He_2
 
"Per questa collezione, ho utilizzato come materiale la pellicola in plastica che protegge i mobili durante i traslochi. Ho scelto questo materiale perché non è un tipico tessuto da abbigliamento. Il design deve essere coraggioso in questo stesso modo – cercando una nuova via o una nuova visuale, oppure ripensando e provando il processo creativo. Nike ha proprio questo spirito innovativo.
 
Nike Air VaporMax_Shizhe_He_1
 
La Nike Air VaporMax si stacca dalla tradizione utilizzando una nuova tecnologia, una nuova struttura per rendere le suole più leggere e morbide e per garantire un’ammortizzazione stabile.Visivamente può sembrare dura, ma toccando la VaporMax si ha una sensazione completamente diversa. Il mio abito ha l’intenzione di procurare lo stesso effetto: all’apparenza una scultura solida, ma in realtà è leggero e flessibile, e permette al corpo di muoversi facilmente indossandolo.
 
Nike Air VaporMax_Shizhe_He_3
 
Ho realizzato la collezione con la tessitura e l’intreccio. Non ci sono orli laterali o punti di cucitura. La Nike Air VaporMax sfrutta anche nuovi metodi per la realizzazione della scarpa. Con la tessitura, la tomaia diventa una superficie unica e solida. L’assenza di cucitura laterale regala più traspirabilità, morbidezza e flessibilità alla Nike Air VaporMax, e ne riduce il peso. L’approccio “less is more” ha avuto come risultato l’affascinante cambiamento che mi ha ispirato”.

Nessun commento:

Posta un commento