Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

domenica 14 ottobre 2018

Celebrities in Stuart Weitzman

7

Gisele Bündchen ha indossato i sandali NUDIST in occasione del “The Tonight Show Starring Jimmy Fallon”.


8

Madison Beer ha indossato gli stivali HILINE.

Montblanc de la Culture Arts Patronage Award 2018

MB_Ludwig_II_4810

L’edizione italiana del Montblanc de La Culture Arts Patronage Award 2018 celebra la Fondazione Memmo

MB_Ludwig_II_888

Nell’ambito del suo costante impegno come attiva promotrice delle Arti e della Cultura, da 27 anni Montblanc celebra l’inestimabile contributo dei moderni Mecenati in 17 paesi nel mondo, assegnando il prestigioso premio Montblanc de la Culture Arts Patronage. Per rendere tributo ai Mecenati odierni che continuano a far prosperare l’Arte impegnando altruisticamente risorse finanziarie, tempo ed energia in progetti culturali, ogni anno la Fondazione Culturale Montblanc devolve un contributo in denaro a sostegno delle iniziative dei Vincitori e realizza un esclusivo Strumento da Scrittura in edizione limitata ispirato ad un Mecenate storico.
“Grazie al loro generoso impegno, i Mecenati d’Arte hanno un concreto impatto sia sulla comunità artistica che sulla società in senso più ampio, contribuendo a rendere l’arte più accessibile al grande pubblico, arricchendone le menti e ispirando le future generazioni con punti di vista innovativi”, spiega Vincent de Montelascot, Board Member della Fondazione Culturale Montblanc. “Il contributo di questi Mecenati è essenziale per sostenere e nutrire con nuova linfa, lo scenario artistico nazionale ed internazionale”.
Ogni anno una giuria internazionale indipendente di personalità illustri seleziona e premia i sostenitori globali della Cultura Contemporanea nei rispettivi paesi di origine e negli altri paesi partecipanti al Premio per un totale di 17 paesi nel mondo: Cina, Francia, Germania, Hong Kong, Italia, Giappone, Korea, Messico, Russia, Spagna, Svizzera, Regno Unito, Stati Uniti, Brasile, Colombia, Grecia e Medio Oriente. Tra i Vincitori delle edizioni precedenti figurano Sua Altezza Reale il Principe di Galles, la Regina Sofia di Spagna, Renzo Piano, Yoko Ono e Franca Sozzani.
L’edizione Italiana 2018 rinnovando la prestigiosa Partnership con Artissima, ha individuato nella Fondazione Memmo, la vincitrice di questo nuovo anno.
La cerimonia del premio si svolgerà all’interno della sede della Fondazione a Roma con la presenza dei presidenti della Fondazione Culturale Montblanc, Till Fellrath e Sam Bardaouil e della Direttrice di Artissima Ilaria Bonacossa.
«La fiera - nelle parole di Ilaria Bonacossa - crede nella qualità della ricerca artistica nazionale ed è felice di unirsi a questo progetto a sostegno degli artisti italiani. Solo supportando le future generazioni e offrendo opportunità di confronto e dialogo internazionale possiamo garantire loro la visibilità che si meritano. La Fondazione Memmo e le istituzioni private che offrono un programma pubblico di mostre e di programmi educativi rappresentano sempre più una risorsa fondamentale per lo sviluppo dell’arte nel nostro paese».
La Fondazione Memmo nasce nel 1990 per volontà del suo fondatore Roberto Memmo, con l’intento di avvicinare al mondo dell’arte il pubblico, attraverso la conoscenza diretta di capolavori di tutti i tempi e delle più varie civiltà. Nel 2012, grazie all’iniziativa di Fabiana Marenghi Vaselli Bond e Anna d’Amelio Carbone, la Fondazione Memmo presenta un nuovo programma espositivo interamente dedicato al panorama artistico contemporaneo. L’obiettivo è quello di contribuire allo sviluppo di un tessuto culturale territoriale in una visione globale, connettendosi a realtà internazionali e promuovendo l’interazione fra gli artisti e la città di Roma, i suoi luoghi, le sue storie, le sue eccellenze nell’ambito delle tecniche artistiche e della tradizione artigianale.
Grazie all’importante riconoscimento ottenuto con il Montblanc de la Culture Arts Patronage Award, la Fondazione vuole affermare e accrescere il supporto alle arti che ne contraddistingue l’operato. Grazie alla spinta offerta dal premio, infatti, si intende inaugurare un programma di residenze a Londra dedicate agli artisti italiani, proseguendo in questo modo l’attività di confronto, scambio e connessione tra artisti e istituzioni di contesti diversi. Il ciclo di residenze finanziato dalla Fondazione Memmo con il contributo del Montblanc de la Culture Arts Patronage Award, durerà quattro anni, offrendo una borsa della durata di tre mesi a quattro diversi artisti. Le residenze saranno ospitate presso il centro Gasworks di Londra con lo scopo di offrire agli artisti il tempo per svolgere la propria ricerca in un contesto inusuale, confrontandosi con la vitalità della scena artistica londinese. A partire da gennaio 2020, l’artista scelto avrà a disposizione studio, accomodation e un per diem, beneficiando inoltre degli eventi, scambi con altri artisti e diversi curatori all’interno di Gasworks.
«Come direttori della Fondazione Memmo vogliamo esprimere la nostra gratitudine nel ricevere il Montblanc de la Culture Arts Patronage Award 2018, un riconoscimento prestigioso che premia anni di intensa attività a favore dell’arte contemporanea, della sua produzione e della sua diffusione. Siamo davvero grate alla Fondazione Culturale Montblanc per averci selezionato: la loro generosità rappresenta per noi una meravigliosa opportunità per dar vita a un progetto con il quale la Fondazione Memmo intende supportare gli artisti italiani all’estero. E teniamo a ringraziare anche la direttrice di Artissima, Ilaria Bonacossa, per aver suggerito il nostro nome».
Tutti gli anni in concomitanza con il premio, Montblanc rende omaggio a uno storico mecenate con uno strumento da scrittura in edizione limitata. La Patron of Art Limited Edition 2018 si ispira alla straordinaria eredità di Ludwig II, conosciuto anche come “Re dei Cigni” o “Re delle Fiabe”. Come mecenate di Richard Wagner, ha contribuito alla realizzazione delle più importanti opere del compositore. Oltre al suo supporto alla musica e al teatro, il Re Ludwig si dedicò alla costruzione di straordinari palazzi come il favoloso Neuschwanstein, un romantico e teatrale castello decorato con scene delle grandiose opere di Wagner. Le creazioni della collezione Patron of Art sono diventate negli anni simbolo del premio e vengono omaggiate ai vincitori insieme al finanziamento economico.

Anna D'Amelio, Till Fellrath, Sam Bardaouil, Ilaria Bonacossaanna damelioMaurizio Morra Greco, Anna D'AmelioMaurizio Morra Greco, Sam Bardaouil, Elena M.G. Colombo, Till FellrathMaurizio Morra Grecosam bardaouil anna damelio till fellrath premioSam Bardaouil, Anna D'Amelio, Till FellrathSam Bardaouilsam bardouil anna d'amelio till fellrathTill FellrathTill Fellrath, Ilaria Bonacossa, Anna D'Amelio, Sam BardaouilAnna d Amelio, Fabiana Marenghi VaselliTill Fellrath, Sam Bardaouil

1 MONCLER PIERPAOLO PICCIOLI | THE HOUSE OF GENIUS SOHO NEW YORK October 11th

1_MONCLER_PIERPAOLO_PICCIOLI_SET_UP

Alla ricerca del purismo ieratico, Pierpaolo Piccioli ha creato forme grafiche tanto mistiche quanto futuristiche. Le sue Madonne medievali viste attraverso lenti spazio temporali si fondono con l’essenza, che per Pierpaolo è la definizione stessa di purezza. Pierpaolo ha spogliato il piumino classico portandolo all’essenziale. Le silouhette rivelano un tocco couture mantenendo un senso di funzionalità, essenza per Moncler.

1_MONCLER_PIERPAOLO_PICCIOLI_SET_UP_02

La collezione comprende cappucci con zip e cappuccio, sia lunghi che corti, e gonne, a completamento ghette e guanti imbottiti. La funzionalità è idealizzata all’ennesima potenza: Pierpaolo ha lavorato esclusivamente con l’iconico nylon imbottito di Moncler, sottolineando ulteriormente l’idea di ridurre i capi alla loro essenza. I pezzi diventano gli elementi portanti di look ad alto impatto grafico. La somma degli elementi è evidenziata dal contrasto dei colori saturi.
I capi sono disponibili in una tavolozza pittorica di avorio, nero, ametista, giallo imperiale, verde brillante, arancio, rosso e rosso ciliegia. Le sfumature vanno mescolate anziché abbinate. Per evidenziare il senso di spiritualità angelica, Pierpaolo ha lavorato con il monaco e artista Sidival Fila, che ha creato le tele astratte e angeliche per l’installazione.

1_Remo_Ruffini-_Pierpaolo_Piccioli3_Pierpaolo_Piccioli5_Adut_Akech-_Pierpaolo_Piccioli9_Liya_Kebede-_Pierpaolo_Piccioli10_Pierpaolo_Piccioli-_Liya_Kebede-_Adut_Akech16_Sabrina_Hulls26_Charlott_Cordes-_Tina_Craig-_Nicky_Hilton_Rothschild27_Shala_Monroque36_Gala_Gonzalez-_Vanessa_Hong2_Pierpaolo_Piccioli6_Adut_Akech-_Pierpaolo_Piccioli-_Vanessa_Hong7_Adut_Akech-_Pierpaolo_Piccioli4_Pierpaolo_Piccioli-_ Nicky_Hilton_Rothschild-_Tina_Craig-_Charlott_Cordes8_Adut_Akech-_Pierpaolo_Piccioli-_Liya_Kebede11_Olivia_Chantecaille13_Simone_Rocha14_Daphne_Groeneveld17_Carlos_Souza18_Patti_Wilson19_Harley_Viera-Newton20_Larsen_Thompson21_Olivia_Perez22_Charlott_Cordes-_Nicky_Hilton_Rothschild31_Vanessa_Hong32_Liya_Kebede33_Liya_Kebede-_Adut_Akech34_Vanessa_Hong35_Harley_Viera-Newton37_Gala_Gonzalez30_Shala_Monroque-_Liya_Kebede28_Adut_Akech