Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

domenica 3 febbraio 2019

2 MONCLER 1952


2 Moncler 1952 è la vivace rivisitazione dell’heritage Moncler, adattato all’energico contesto metropolitano di oggi. Un’interpretazione decisamente singolare per l’uomo e decisa per la donna. La collezione uomo è un vero e proprio manifesto pop urbano, con le sue stampe macro di stelle e lettere disegnate dall’artista Hey Reilly, che occupano la scena e compongono il logo Moncler. 


Forme e materiali sono funzionali: i giubbotti con chiusura centrale a zip, le giacche militari, i parka, i cappotti corti, i pantaloni delle tute e i bermuda sono proposti in cotone, nylon o in tessuto ripstop. I motivi geometrici e gli inserti creano vivaci contrasti grazie alla combinazione di tinte molto accese con tonalità più neutre o grazie al total black attraversato da lampi di colore per uno stile che non passa inosservato. La funzionalità è assicurata anche dalla presenza di dettagli tecnici come i colli imbottiti e le tasche con zip. Marchio distintivo della collezione il logo macro, presente su tutti i capi. La collezione donna è una reinterpretazione dei grandi classici del guardaroba: dalla giacca al parka passando per il maglione soffice, pensati anche in questo caso con giochi sottili di volumi, texture e forme per adattarsi alle esigenze di tutte le donne. Il mix di materiali tecnici e tessuti pregiati – nylon laqué, tech-faille, cotone drill, crêpe de chine stampato – è la nota distintiva di una collezione giocata sulla combinazione unica di elementi funzionali ed estetici. Le coulisse oversize sono un elemento ricorrente per consentire a chi li indossa di giocare con i volumi. 


Lo stile pensato sulla sovrapposizione di strati è divertente e facile da costruire. Le stampe aggiungono ritmo alla palette classica dei neri e dei toni neutri attraversati da improvvisi bagliori di rosso.
2 MONCLER 1952 disponibile dal 31 gennaio nelle boutique Moncler, moncler.com e in selezionati wholesaler in tutto il mondo.

Nessun commento:

Posta un commento